So che non posso scegliere come mi sento,
ma posso sempre scegliere di farci qualcosa

L’inizio di un’abitudine è come un filo invisibile, ma ogni volta che ripetiamo l’azione rinforziamo quel filo, vi aggiungiamo un altro filamento, finché esso non diventa una grossa fune che ci lega definitivamente, pensiero e azione.

lunedì 14 giugno 2010

Arrivederci e Grazie.

http://it.movies.yahoo.com/a/arrivederci-e-grazie/index-127270.html

HO imparato ad amare dapprima i post,poi il blog.Poi le blogger.
Ho capito molto e molto ho vissuto in questo schermo.
Ma ora le cose si lasciano scivolare a sè.
Non posso dire di avere una cura nel mio pugno o nel mio viso.
So solo che ho un bisogno compulsivo di amore.
Amore.Non cibo.
So che il mondo là fuori è pieno di Amore,di quel cane che viene dall'inferno e che probabilmente si nasconde in vicoli bui.

e il mondo è la mia casa ora.
Un mondo dove i miei piedi assaporano l'asfalto con quella sovrabbondanza d'amore che avevo tristemente dimenticato.

Chiedo scusa per il silenzio che a volte è l'unica cura per ascoltare la voce del Vero e del Giusto in noi.

Saluto tutte perchè questò blog resterà qua nell'etere per sempre.Per sempre per come è stato e per ciò che ha significato.

Io ora mi sento diversa e ho bisogno di un blog diverso.
Ne ho già uno,non parla di Dca,non parla di me,ma parla attrqaverso me.

Infine Grazie.

6 commenti:

  1. Grazie a te di aver condiviso con noi un pezzettino della tua vita, e buona partenza con il nuovo blog!!!

    RispondiElimina
  2. E' bello cambiare e sentire che qualche cosa si trasforma....

    Un abbraccione iO e Alice

    RispondiElimina
  3. ti abbraccio forte!
    buona vita!

    RispondiElimina
  4. grazie a te tesoro..
    e scusami per essere stata una delusione.. avrei voluto essere stata capace di starti più vicino..
    un abbraccio, buona svolta, un giorno ci incontreremo, lo sento..
    ti voglio bene

    RispondiElimina
  5. aspetta ma... hai un altro blog?


    oddio sono arrivata un po' in ritardo. Come al solito^^'

    RispondiElimina
  6. Coglierò per te
    l’ultima rosa del giardino,
    la rosa bianca che fiorisce
    nelle prime nebbie.
    Le avide api l’hanno visitata
    sino a ieri,
    ma è ancora così dolce
    che fa tremare.
    E’ un ritratto di te a trent’anni,
    un po’ smemorata, come tu sarai allora.
    (Attilio Bertolucci)

    RispondiElimina